HOME



  L'azienda nasce piu' di 30 anni fa dall'idea di un gruppo di proprietari nonche' agricoltori appassionati di "caccia" i quali decidono di riunire le loro terre per esercitarvi la caccia in esclusiva all' interno del comune di "CASTELDELCI"
                                                                                                                                                                                                                 Le cose da quel tempo sono cambiate ma non molto, tanto che i soci sono ancora oggi solo 20. Il territorio dell’Azienda Faunistico-Venatoria “Valsenatello” è ubicato all’estremo Sud-Ovest della Regione "Emilia romagna", in provincia  di "Rimini" al confine con la Toscana, uno dei luoghi piu' selvaggi e incontaminati dell' intera regione. Ripartito omogeneamente secondo un mosaico costituito da piccoli appezzamenti distinti in pascoli, radure inerbite, prati cespugliati, boschi. Questi ambiti sono inseriti in un contesto ambientale tipicamente montano: l’Alta Valmarecchia, nello specifico il comune di Casteldelci, a bassa densità abitativa e caratterizzato da un minimo impatto delle attività antropiche sull’ambiente naturale. Tutto il territorio dell’A.F.V. si localizza, infatti, al di sopra dei 720 metri di altitudine. Tutta l’area è definita da crinali montuosi di altitudine abbastanza uniforme, che si attesta nell’intorno dei 1.000 – 1.100 metri s.l.m.

Tutto il territorio dell’Azienda Faunistico Venatoria sita in CASTELDELCI  è caratterizzato da ampia disponibilità idrica, con numerosi fossi affluenti del torrente principale che attraversa l’Azienda Faunistico Venatoria: il Senatello, che a sua volta riversa le proprie acque nel Fiume Marecchia. Le copiose precipitazioni, abbastanza omogeneamente distribuite nell’arco delle stagioni, determinano una condizione ambientale tipizzata da una costante ricchezza di acqua disponibile. 

La vegetazione della fascia submontana è caratterizzata da boschi ad elevata mescolanza di specie arboree come il cerro, il carpino nero, il carpino bianco, l’orniello , l’acero napoletano , l’acero campestre e da arbusti come il maggiociondolo , il nocciolo e il corniolo. 

Nelle porzioni più alte dell’Azienda Faunistico Venatoria la cerreta mostra la partecipazione di ciavardello e faggio . 

Dove il bosco si interrompe lascia spazio a radure a prato e a pascolo originatesi secondariamente ad opera dell’uomo. 

L'estensione dell'azienda e' pari a 650 ettari complessivamente, di cui 561 ettari di superficie utile alla pianificazione e gestione faunistica.

afvvalsenatello@gmail.com

 

Pagine secondarie (2): CAPRIOLI CINGHIALI